“Vita da Pacos”: bioparco sociale a Fano

Quella del bioparco sociale “Vita da Pacos” è la storia di un grande “sogno familiare” che si realizza, dopo essere stato per lungo tempo desiderato. Ad accogliermi al mio arrivo in questa oasi verde è Elisa Bilancioni, doppia laurea in Ingegneria e Sociologia, una vita di lavoro a contatto con i bambini e con le scuole, oggi tra gli ideatori di un interessante progetto: il bioparco sociale “Vita da Pacos”.

STORIA DI UN GRANDE SOGNO

Elisa, insieme a suo marito Matteo Ceccarelli, che per anni ha lavorato nelle cooperative sociali dedicandosi anche all’attività di cuoco con prodotti biologici locali, e alla più grande dei suoi figli, Aurora Ceccarelli, giovane studentessa di antropologia e amante della natura, mi confessa: “A 42 anni ho realizzato il mio sogno di vita, quello che avevo da sempre riposto in uno dei famosi cassetti. È stato difficile trovare lo spazio giusto, quello che avesse le caratteristiche che cercavamo, ma alla fine abbiamo letto l’annuncio di questo terreno e, tra mille esitazioni, abbiamo fatto la scelta migliore che potessimo fare! Se ci guardiamo indietro, oggi capiamo che le nostre occupazioni precedenti ed i nostri percorsi di vita ci hanno portato ad essere ciò che siamo, era già tutto scritto nel nostro destino, nella nostra storia.

Elisa Bilancioni e Matteo Ceccarelli

Gli obiettivi che ci eravamo prefissati– prosegue Elisa – quando abbiamo deciso di lasciare i nostri lavori e tuffarci in questo progetto erano: lavorare dove viviamo, lavorare insieme (perché travolti dal caos e dai mille impegni della vita quotidiana, ci mancavamo) e riportare adulti e bambini alla natura. Anche se Vita da Pacos è nato da pochi mesi, possiamo dire di averli già realizzati tutti. Certo, di progetti da portare avanti ce ne sono tanti, per esempio ci piacerebbe creare qui uno spazio dedicato all’arte, in omaggio al precedente proprietario di questo luogo che è uno dei più grandi scultori italiani, uno dei massimi artisti contemporanei a livello internazionale: Giuliano Vangi.

COSA TROVARE AL BIOPARCO?

In località Roncosambaccio, nel Comune di Fano (PU), questo bioparco copre una superficie di 7 ettari e accoglie tanti animali: dagli alpaca (dal cui nome scientifico “vicugna pacos” prende nome il parco stesso) che sono per i proprietari una grande ispirazione per la grande capacità che hanno di relazionarsi, ai cavalli, le capre, le galline, i pappagalli ed i pavoni.

A rendere ancora più bella questa oasi di pace è la presenza di un lago artificiale che venne creato nell’800 e che oggi ospita numerose specie acquatiche. In questo spazio ideale per riconnettersi con la natura si possono fare passeggiate, partecipare agli eventi che sono in programma, leggere un buon libro su una delle amache all’ombra di uno dei tanti alberi presenti qui, organizzare feste private e, per i bambini, partecipare a centri estivi 100% a contatto con la natura.

Per essere sempre aggiornati sulle attività in programma, potete seguire Vita da Pacos nei canali social:

Dopo la grande festa di inaugurazione del bioparco che si è tenuta il 2 Giugno, Elisa, Matteo e Aurora sono tornati subito al lavoro perché di progetti e idee da realizzare in questo spazio ce ne sono tanti. Per esempio, la creazione di una merenderia, una grandissima terrazza (a New York lo chiamerebbero “rooftop”) panoramica in cui servire aperitivi con prodotti selezionati biologici e musica dal vivo.

QUANDO ANDARE AL BIOPARCO?

Vita da Pacos è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 20, contattando il numero 335 1345450.I prossimi eventi in programma sono:

  • 18 Giugno: yoga all’aperto per adulti e laboratorio per bambini
  • 24 Giugno: laboratorio sull’argilla per i più piccoli
  • 25 Giugno: bagno di Gong per adulti

Prossimamente si organizzerà il laboratorio “Dalla cellulosa alla carta” ed un laboratorio di inglese per adulti ed anche per bambini.

 

Ringrazio la Famiglia Ceccarelli per avermi raccontato la loro storia, in particolare Elisa, per avermi mostrato tutta la bellezza del bioparco. È grazie a persone che non hanno paura dei loro sogni, che si realizzano grandi cose, come questo bellissimo progetto.

il mio nuovo amico alpaca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *