LAND ART FURLO: GALLERIA D’ARTE A CIELO APERTO NEL CUORE DEL FURLO

Nella Provincia di Pesaro e Urbino, a Sant’Anna del Furlo, uno dei borghi più piccoli d’Italia (solo dieci abitanti), dal 2011 è nata la CASA DEGLI ARTISTI, un luogo magico, prezioso scrigno di opere d’arte, all’interno della Riserva naturale della Gola del Furlo.

Andreina De Tomassi che è stata grande giornalista di Repubblica, docente all’Università di Urbino, una delle ragazze del ’68, per sette anni membro della Giuria Internazionale di Slowfood per la Biodiversità ( e potrei continuare a lungo), e il suo compagno di vita Antonio Sorace, scultore, nipote del fondatore della prima cooperativa di scalpellini nel pesarese, e oggi Presidente dell’Associazione Casa degli Artisti, alla fine degli anni ’80 arrivarono al Passo del Furlo, luogo di origine della mamma di Antonio.

Volevano cambiare vita, lasciare la città caotica in cui vivevano, Roma, e godere delle bellezze della natura. Fu così che in uno dei loro viaggi domenicali alla ricerca della loro “casa perfetta”, in un tiepido Ottobre trovarono questo luogo all’epoca diroccato, in vendita.

Decisero che sarebbe stato il loro rifugio, il loro punto di partenza per una nuova vita, ecologica, a stretto contatto con l’ambiente e nel suo pieno rispetto. Decisero di farne una vera e propria RESIDENZA ARTISTICA, in cui ogni anno vengono ospitati scultori, musicisti, poeti, artisti.

Da nove anni, in estate, qui si organizza LAND ART, esposizione d’arte en plein air, una selezione ogni anno di 30/40 artisti che con le loro opere da tutta Italia e un po’ da tutto il Mondo, rendono il parco-museo che circonda la residenza artistica una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto.

Dove oggi passeggio, cento anni fa vi era una casa di operai elettrici e la casa dell’ingegnere, oggi riuniti in un’unica proprietà, tornata ad essere villaggio operaio, uno dei primi esempi italiani.

Questo luogo, da visitare almeno una volta nella vita, permette di vivere un’esperienza a diretto contatto con la natura, ammirare opere d’arte e coglierne l’essenza più profonda, cullati dal dolce rumore del fiume Candigliano e con lo sguardo che corre libero. Qui le opere “corteggiano” la natura senza sovrastarla… E’ una rinascita dei sensi!

Andreina e Antonio salvaguardano anche la biodiversità di questo territorio, grazie alla coltivazione di alberi da frutta antichi, erbe officinali, rose antiche del Montefeltro. Questo è un vero PARCO BOTANICO.

Qui trovate tutte le informazioni su LAND ART: www.landartalfurlo.it e tutti i contatti per organizzare una visita in questo bellissimo spazio aperto!

“Vedere intere famiglie e gruppi di stranieri che passeggiano liberamente nel giardino, nel bosco, a scoprire le opere più nascoste è una gioia che non ha prezzo”.

A. De Tomassi

 
 
Un grazie speciale ad Andreina De Tomassi e Antonio Sorace per avermi aperto le porte della loro dimora, unica nel suo genere, che trasuda arte e natura.

 

 
Valentina Pierucci

Se volete contattarmi, lasciarmi i vostri consigli, raccontarmi le vostre testimonianze, scrivetemi a:  

                                            📧 marchigianainviaggio@libero.it

Please follow and like us:

6 thoughts on “LAND ART FURLO: GALLERIA D’ARTE A CIELO APERTO NEL CUORE DEL FURLO”

  1. Che bello questo posto. Mi è piaciuta molto la storia di questa coppia… Spero un giorno di visitare questo luogo così affascinante😍

  2. Che bello questo luogo! Sono venuta a dare un’occhiata qui perché sto cercando un’idea per una gita fuori porta per i prossimi ponti…e questa potrebbe essere quella buona! 🙂

    1. Sì, questo posto sono certa piacerà! Si può anche alloggiare nella dimora degli artisti, trovi tutti i contatti nel sito web di LAND ART FURLO. Buona vacanza nelle meravigliose Marche!

  3. Conosco da quasi due lustri questo incantevole, magico, posto ed i suoi ideatori Andreina e Antonio. La mia allargata famiglia, nel suo piccolo, ha prodotto due performances per questa Residenza Creativa: “Il p(o)etatore volante interpretato da Nicola, mio figlio grande, ed “il pianto della pianta” co-interpretato dal sottoscritto in solido con altri.
    Un abbraccio forte alla ditta A.A.

    Tullio Della Seta

    1. Grazie per il suo commento. Credo che una location così suggestiva non faccia altro che aggiungere valore al valore già intrinseco alle opere d’arte esposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *