CARTOCETO: ARTE, STORIA E RELAX NEL CUORE DI PIAZZA GARIBALDI

Oggi sono a Cartoceto (PU), terra di ulivi, uliveti e frantoi, terra da cui ha origine l’oro verde, Re indiscusso di questo territorio: l’olio.
Ma non solo… questo, infatti, è anche un borgo ricco di storia ed i suoi monumenti ne sono testimonianza.

Palazzo del Popolo

La mia visita ha inizio da Palazzo del Popolo, edificio risalente al XII secolo, la cui torretta dell’orologio domina dall’alto le vallate circostanti e la Piazza principale del paese, Piazza Garibaldi. Originariamente l’edificio ebbe una funzione difensiva, poi, in epoca rinascimentale, assunse funzioni di palazzo civico. Oltrepassando l’arcata di Palazzo del Popolo si ha accesso al castello di Cartoceto.

Percorrendo Via Marcolini arrivo fino a Piazzale Marconi. Si tratta di una vera e propria terrazza sulle vallate che circondano Cartoceto, perfetto punto per scattare fotografie. Da lì lo sguardo arriva fino al mare della vicina Fano.

Se, invece, vi terrete questo bellissimo panorama alle spalle, vi troverete piacevolmente colpiti dalla facciata del Teatro del Trionfo. Allestito originariamente nella prima metà del XVIII secolo per volontà di alcuni notabili del luogo, esso non fu inizialmente molto apprezzato dalla popolazione, dato che la sua edificazione avvenne a discapito di un preesistente e attivo mulino per olio, con annesso deposito per le olive.

Nel 1730-31 fu rappresentata in questo teatro un’ opera in musica ed in seguito, per circa settant’anni, vi furono rappresentate soprattutto commedie durante il carnevale. Questo primo teatro venne in gran parte ricostruito nel 1801, sino ad assumere l’attuale struttura.

 

Interno Teatro del Trionfo - Ph. Andrea Contenti
Teatro del Trionfo - Ph. Andrea Contenti

 

 

Questo teatro è bellissimo e direi unico nel suo genere, con una pianta a ferro di cavallo e 37 palchi.

Rientrando dalla passeggiata verso l’auto, nel cuore di questo antico borgo, mi fermo per un pranzo veloce nel locale Bar Nanà, che si trova proprio in Piazza Garibaldi. Mi accomodo in veranda, con vista su Palazzo del Popolo, e faccio due chiacchiere con una delle “padrone di casa”, Lucia.

Mi parla del suo amore per Cartoceto e della sua voglia di far sì che il suo locale continui ad essere, come è ora, luogo di ritrovo per gli abitanti e punto di riferimento per turisti e ciclisti che qui ogni anno numerosissimi si avventurano alla lenta scoperta di questo territorio e delle sue verdeggianti colline.

Bar Nanà - Veranda esterna

Lucia mi spiega, infatti, di essere l’unico BIKE POINT di Cartoceto e ne è fiera, perché lo slow tourism è una cosa in cui credono sia lei che Sara, sua sorella e socia.

Gustosa pausa pranzo
Interno Bar Nanà

Qui si possono gustare colazioni, pranzi, apritivi, il tutto nella tranquillità di Piazza Garibaldi.

► Per info: 371 398 2773
► Pagina Facebook: Bar NANA’

Mi guardo attorno e sono quasi l’unica italiana… mi stupisce piacevolmente, lo devo ammettere, vedere tutta questa affluenza di turisti in un piccolo borgo, seppur bellissimo, come questo.
Dopo aver gustato un’ottimo panino con prosciutto tagliato al coltello, pomodorini secchi e un gustoso formaggio locale, accompagnato da una birra a Km 0, torno a casa soddisfatta per la piacevole giornata.

Per informazioni, commenti e suggerimenti:
marchigianainviaggio@libero.it

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *